Classe di laurea
L-15: Scienze del Turismo D.M. 270/2004
Presentazione del corso di laurea – a. a. 2017/2018

Certificazione internazionale
Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-15 Scienze del turismo
Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo
Sbocchi professionali
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
Accesso a studi ulteriori
Aspetti organizzativi e regolamentari
Accesso
Frequenza
Sede del corso
Segreteria didattica
Segreteria studenti
Presidente
Vice Presidente
Consiglio del Corso di studio

Certificazione internazionale
Il corso di Laurea in Scienze Turistiche dell’Università del Molise è stato il primo CdL turistico italiano che ha ottenuto la certificazione Tourism Education Quality (TEDQUAL) rilasciato dalla THEMIS Foundation dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (Agenzia delle Nazioni Unite). In base a tale riconoscimento l’Università del Molise è membro affiliato dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) ed un suo rappresentante è membro del Education and Science Council (www.unwto.org).
Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-15 Scienze del turismo
Il Corso di Studio ha l’obiettivo di formare laureati con un profilo turistico qualificato, rivolto al mercato del lavoro sia pubblico che privato, con particolare riferimento all’ambito dei beni culturali e ambientali e dell’enogastronomia, dell’organizzazione e delle politiche turistiche, della progettazione e gestione dei sistemi turistici territoriali, della comunicazione e dell’informazione. Il corso in Scienze turistiche, già attivo presso la sede di Termoli dall’a.a. 2001-2002 ( e precedentemente come Economia del turismo), viene trasformato per quanto riguarda i contenuti e l’articolazione del piano di studi. Pur confermando l’attenzione  del corso di studi alle dinamiche territoriali e alla gestione sostenibile dei sistemi turistico-territoriali, in linea con gli indirizzi dell’Organizzazione Mondiale del turismo (UNWTO) di cui il corso di laurea è Affiliate Member, sono previsti due indirizzi: 1) Turismo e sviluppo locale, orientato ai temi dello sviluppo e del marketing territoriale; 2) Enogastronomia e turismo, rispondente a fabbisogni formativi espressi a livello nazionale e regionale relativamente alla specificità di un segmento particolarmente dinamico del mercato turistico e alle potenzialità di sviluppo di molte aree del Paese anche in proiezione internazionale.
Il CdS in Scienze turistiche intende formare una figura culturale-professionale finalizzata alla valorizzazione delle risorse territoriali, culturali e ambientali e alla gestione delle attività e dei servizi turistici con particolare riguardo a:
  • funzioni di amministrazione, gestione operativa e commerciale di strutture ricettive e pubblici esercizi, agenzie e operatori turistici, aziende di servizi operanti nel settore turistico;
  • funzioni legate alla progettazione, organizzazione e promozione di prodotti e servizi turistici, ivi compresi eventi culturali, mostre, convegni, esposizioni e degustazioni;
  • funzioni legate alla promozione turistica da parte di enti o agenzie pubbliche locali e nazionali.
Grazie alla formazione di un profilo culturale-professionale con un solido background culturale e adeguate competenze di base in diversi ambiti disciplinari, i laureati potranno acquisire la padronanza di una metodologia di analisi versatile applicabile in vari contesti operativi che permetterà di svolgere le funzioni suddette in diverse realtà lavorative ovvero l’accesso ai successivi livelli di istruzione con un alto grado di autonomia. Il percorso formativo prevede un’esperienza professionalizzante all’interno di aziende pubbliche e/o private legate al settore del turismo, durante la quale lo studente può applicare le competenze conseguite nel corso degli studi ottenendo maggiore consapevolezza dei propri mezzi e potrà acquisire competenze pratiche sempre più richieste per entrare nel mercato del lavoro.
Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo
Il Corso è articolato in due indirizzi: Turismo e sviluppo locale; Enogastronomia e turismo. L’obiettivo generale del Corso di studio è quello di formare laureati da impegnare ai livelli superiori nel campo del turismo, che rappresenta uno dei settori fondamentali dell’economia italiana, con riferimento al mercato de lavoro sia pubblico che privato. L’articolazione del CdS in due indirizzi consente di costruire profili di laureati che pur beneficiando di una preparazione di base in buona parte comune, si differenziano fin dal primo anno in relazione a due settori strategici in cui si articolano le politiche territoriali ed economiche: quello dello sviluppo locale, con particolare riferimento alle aree interne e periferiche; quello dell’enogastronomia, basato sulla progettazione e promozione turistica del patrimonio delle tradizioni alimentari in stretta relazione al patrimonio culturale-ambientale dei territori. Il curriculum in Turismo e sviluppo locale ha l’ obiettivo di formare laureati con un profilo turistico qualificato, rivolto al mercato del lavoro sia pubblico che privato, nonché dell’autoimpiego e dell’autoimprenditorialità, con particolare riferimento all’ambito dei beni culturali e ambientali, dell’organizzazione e delle politiche turistiche, della progettazione e gestione dei sistemi turistici territoriali, dell’attività di incoming, della comunicazione e dell’informazione.
Il curriculum in Enogastronomia e turismo fornisce competenze e capacità innovative e comunicative finalizzate alla formazione di un profilo del laureato esperto in enogastronomia con competenze territoriali, scientifiche, culturali, giuridiche, economiche e manageriali rivolte all’organizzazione, gestione e promozione di attività turistiche incentrate sulle esperienze del gusto, del benessere e delle produzioni locali di qualità, comunque legate a un’offerta turistica enogastronomica in armonia con le risorse culturali e ambientali. Il fine ultimo è dotare lo studente di una profonda conoscenza delle basi culturali che nobilitano i territori, fondata sulla valorizzazione e messa a sistema delle produzioni enogastronomiche e dei prodotti tipici agro-alimentari  di alta qualità, con particolare riferimento al vino.
Pur avendo una pronunciata caratterizzazione nei rispettivi indirizzi, i laureati in questo corso devono essere in grado di collocare le specifiche conoscenze acquisite nel più generale contesto culturale, economico e sociale a livello regionale, nazionale e internazionale, ed essere in grado di conoscere la lingua inglese ed eventualmente altre lingue dell’Unione Europea, oltre all’italiano. Infine essi devono essere capaci di utilizzare competenze e strumenti idonei alla comunicazione e alla gestione dell’informazione.
Per tale finalità gli insegnamenti impartiti saranno rivolti all’acquisizione di conoscenze fondamentali nei vari campi della cultura umanistica e tecnica, dell’economia e della gestione delle aziende, oltre che di conoscenze giuridiche di base e specialistiche negli ambiti della gestione delle
aziende turistiche, nozioni di marketing aziendale e territoriale e la capacità di contestualizzare nello spazio e nel tempo i processi aziendali e le dinamiche del mercato turistico.
Infine, i laureati in Scienze turistiche dovranno essere in grado di applicare i metodi e le tecniche di base dell’economia, della statistica e della pianificazione alla progettazione e gestione delle attività turistiche. In relazione agli obiettivi specifici di professionalizzazione e d alla domanda del mercato del lavoro turistico sono previste attività esterne con tirocini formativi presso aziende e organizzazioni pubbliche e private nazionali e internazionali.
Sbocchi professionali
Dal punto di vista degli sbocchi professionali, la laurea in Scienze turistiche consente l’impiego in una varietà di istituzioni, agenzie e organismi che promuovono il turismo e lo sviluppo locale attraverso la valorizzazione del patrimonio storico-artistico, ambientale ed enogastronomico: enti pubblici, enti territoriali, aziende alberghiere, agenzie di pubblicità, editoria e comunicazione, agenzie viaggi, network (gruppi consorziati di agenzie di viaggi, consorzi di tutela, salvaguardia ambientale e valorizzazione), Olta (On line travel agency), associazioni turistiche e culturali, aziende pubbliche/private di promozione territoriale. Il laureato in Scienze turistiche è inoltre formato per sviluppare iniziative imprenditoriali in proprio o in partnership all’interno della filiera turistica ed in particolare nei settori incoming, outgoing, incentive, del trasporto, dell’ospitalità e della ristorazione o nella fornitura di servizi consulenziali alle PMI operanti nel settore; o ancora per l’inserimento nel settore della consulenza alle imprese, con particolare riferimento al marketing, alla comunicazione e pubblicità, al business planning e controllo di gestione, in posizione di affiancamento a figure di medio-alta responsabilità.
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT):
  1. Agenti di pubblicità – (3.3.4.4.0)
  2. Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate – (3.4.1.1.0)
  3. Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali – (3.4.1.2.1)
  4. Organizzatori di convegni e ricevimenti – (3.4.1.2.2)
  5. Agenti di viaggio – (3.4.1.4.0)
  6. Guide ed accompagnatori naturalistici e sportivi – (3.4.1.5.1)
  7. Guide turistiche – (3.4.1.5.2)
Accesso a studi ulteriori
Nel piano dell’Offerta Formativa dell’Università degli Studi del Molise i laureati in Scienze turistiche potranno proseguire il loro percorso formativo senza alcun debito accedendo al Corso di laurea Magistrale in Turismo e Beni Cuturali (classe  LM-49 Progettazione e gestione dei sistemi turistici).
Aspetti organizzativi e regolamentari
Il Corso di laurea ha una durata di tre anni e presenta un unico indirizzo. Si articola in 20 insegnamenti che prevedono una didattica prevalentemente frontale, integrata da attività seminariali, esercitazioni, viaggi e visite di studio, elaborato finale per un totale di 180 crediti formativi (CFU).
L’attività didattica, organizzata in insegnamenti di singole discipline o in moduli coordinali, fa riferimento a diverse aree di competenza: generica, umanistica, territoriale-ambientale, economico-aziendale, delle abilità tecnologiche e linguistiche. E’ ripartita in attività di base (Discipline economiche, statistiche e giuridiche, Discipline sociali e territoriali, Discipline linguistiche), caratterizzanti (Discipline dell’organizzazione dei servizi turistici, Discipline sociologiche, psicologiche e antropologiche, Discipline economiche e aziendali, Discipline storico-artistiche), affini e integrative.
Accesso
Libero. I saperi minimi per l’accesso al corso di laurea corrispondono alle conoscenze ed abilità acquisite con il conseguimento di un diploma di scuola superiore, o di un titolo estero equivalente.
È prevista, durante la Giornata della Matricola a inizio ottobre, la valutazione di conoscenze basilari di cultura generale tramite test d’ingresso obbligatorio ma non selettivo, al fine di predisporre eventuali attività di recupero all’inizio dell’anno accademico. Per la lingua inglese è previsto un test di ingresso (placement test) volto all’accertamento delle competenze linguistiche in entrata che sarà somministrato prima dell’inizio delle lezioni del primo semestre.
Inoltre i docenti procederanno all’inizio di ciascun insegnamento ad una ulteriore verifica del possesso dei requisiti di ammissione e suggeriranno eventuali metodologie che gli studenti dovranno autonomamente applicare per colmare i loro debiti formativi.
Frequenza
La frequenza è consigliata, ma non obbligatoria.
Sede del corso
Dipartimento di Bioscienze e Territorio
Via Duca degli Abruzzi, snc – 86039 Termoli (CB)
Sito web: dipbioter.unimol.it/scienze_turistiche
e-mail: dipbioscieze@unimol.it
Segreteria Didattica
Dott.ssa Antonella d’Aimmo
I Piano – Tel. 0874-404802 – Fax 0874-404814
e-mail: daimmo@unimol.it
Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì, ore 10.00-12.00
Il lunedì dalle ore 15.00 alle ore 16.00
Segreteria Studenti
Dott.ssa Noemi Petti
Piano terra – Tel. 0874-404804 – Fax 0874-404814
e-mail: petti@unimol.it
Dott. Antonio Basso
Piano terra – Tel. 0874-404809 – Fax 0874-404814
e-mail: antonio.basso@unimol.it
Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì, ore 9.00-12.00
Presidente
Prof. Rossano Pazzagli
e-mail: rossano.pazzagli@unimol.it
 Vice Presidente
Prof.ssa Monica Meini
e-mail: monica.meini@unimol.it
Consiglio di Corso di Studio Aggregato in Scienze turistiche e Beni culturali
Docenti

Silvia Angeloni, Letizia Bindi, Luciano De Bonis, Ruggiero Dipace, Fiore Fontanarosa, Marina Bonaventura Forleo, Vincenzo Giaccio, Guido Gili, Elisabetta Horvath, Luigi Mastronardi, Monica Meini, Rossella Nocera, Roberto Parisi, Rossano Pazzagli, Marco Petrella, Angelo Presenza, Carmen Rosskopf,  Angela Stanisci,  Ilaria Zilli.
Studenti
Stefano Rinaldi, Andrea Infriccioli